la rete reale virtuale dell'arte contemporanea
 

Daniel Spoerri

Scheda di Lucrezia Cippitelli
Vittima delle persecuzioni naziste, Daniel Spoerri è arrivato all'arte attraverso la danza, il mimo, il teatro, ha aperto poi ristoranti e imbandito banchetti entro gallerie d'arte, attribuendo ai critici il ruolo di camerieri, è stato poeta e scrittore, ha aderito a Fluxus e ha ideato con altri le edizioni MAT, multipli d'arte.
La celebrità gli è arrivata grazie al soggiorno parigino e ai tableaux-pièges, i "quadri -trappola" dall'esperienza dei quali Spoerri non è riuscito più a liberarsi del tutto. Le stesse sculture del Giardino di Seggiano li ripropongono fusi in bronzo e immersi nella natura (anziché nella stanzetta dell'albergo di Rue Mouffetard), seguendo in questo itinerario l'antica sua vocazine alla messa in scena: un teatro dinamico sul filo dell'ambiguità tra reale e sgno, alla ricerca dell'effetto, dell'impressione, della merviglia.
Dopo aver vissuto a New York, in un'isola greca, a Dusseldorf, nei dintorni di Parigi e in altre parti del mondo, negli anni novanta l'artista è approdato sull'Amiata dove ha dato vita al progetto di un parco che finalmente ha visto la luce con la nascita della Fondazione "Il giardino di Daniel Spoerri.
Hic Terminus Haeret"
Daniel Spoerri è nato a Galati, un porto Romeno sul Danubio, il 27 March 1930. Suo padre Isaac Feinstein, di origini ebraiche, è un ministro protesrtante; sua madre, che gli ha dato il nome Spoerri, e' svizzera. Nel 1940 la situazione politica in Romania è influenzata dalla nascita del regime nazista in Germania: la politica antisemita della dittatura costringono la famiglia Feinstein a numerose traversie. Nel 1941 il padre e' preso dall'esercito nazista e muore in un campo di concemtramento
Daniel scappa in maniera del tutto fortunosa e un anno dopo risiede in Svizzera con sua madre e le sue cinque sorelle.
Vivono a Zuirigo con Theophilus Spoerri, fratello della madre e rettorre dell' Universita'. E' lo stesso Theophilus Sperri che si incarica di cambiare il nome dei sei fratelli da Feinstein a Spoerri per evitare il pericolo in caso di nuove persecuzioni naziste. Dal 1943 al 1948, Daniel Spoerri e' apprendista in un import-export negozio ed in seguito commesso in un negozio di libri. Inizia a studiare al Liceo di basilea, ma ben presto lascia gli studi per lavorare in un Cafe'.
Vendendo frutta conosce Tinguely. Inizia quindi a viaggiare per l' Europa, ed il suo interesse principale e' la poesia. Ne 1949, in un bar di Zurigo incontra Max Terpis, il coreografo capo del corpo di ballo dell'Opera di Zurigo, ed inizia quindi la sua carriera di ballerino.
Dal 1949 al 1954 studia danza ed e' ballerino professionista vivendo di borse di studio. Nel 1952 Daniel e' a Parigi, dove segue lezioni di mimo e di danza classica. Nella vivace scena culturale parigina dei primi anni Cinquanta, incontra Luca Gherasim, assiste alla prima di "Aspettando Godot" di Samuel Beckett, e la "cantatrice Calva di Eugene Ionesco. Jean Tinguely e Eva Aeppli live vivono con lui per un perido, nella stanza del suo albergo di Parigi ( questa stanza d'albergo e' riprodotta, in bronzo, in una scultura di Tinguely, Testa del ciclope, oggi a Milly-la-Foret).
In questo periodo, Tinguely inizia a lavorare intorno all'idea di sculture in movimento. Dal 1954 al 1957 Spoerri e' primo ballerino dell' Opera di Berna. Qui incontra Meret Oppenheim, Dieter Rot, Andre' Thomkins e Karl Gerstner, ed inizia a lavorare come direttore teatrale.
Nel piccolo teatro che produce e dirige, il Teatro Keller, presenta spettacoli di avanguardia e la prima mondiale del "Desir attrappe par la queue"di Picasso. Nel 1959 Daniel Spoerri si trasferisce a Darmstadt per lavorare come assistente alla regia teatrale con Gustav Rudolf Sellner. Qui a Darmstadt fa uscire il rpimo numero della rivista di letteratura e poesia "Material".
Durante un breve soggiorno a Parigi, incontra Yves Klein, i cui monocromi sono gia' ri- conosciuti in tutto il mondo. Durante questo periodo lavora alla sua prima opera, "Pourquoi pas un Tapies?", un pezzo di muro da appendere alla parete come un quadro.
Nell Agosto 1959 ritorna a vivere a Parigi, dove vive in una stanza dell'albergo Carcassone (la stessa stanza che e' stata riprodotta nel 1998 in bronzo nel Giardino in Seggiano). A Parigi continua il lavoro iniziato con la rivista"Material", che viene ora pubblicata dalle edizioni MAT (Multiplicationd'Art Transformable); per finanziare il rpogetto organizza la sua prima mostra con Tinguely, Soto, Vasarely, ed alcuni oggetti di Duchamp.
Nel 1960 ha l'idea dei tableaux-piege - "quadri trappola" - tavoli sulle cui superfici vengono incollati oggetti casualmente lasciati, e che vengono quindi appesi al muro come un quadro. Il suo primo tableaux-piege e' intitolato "Lieu de repos de la famille Dellbeck".
Durante lo stesso periodo le edizioni MAT sono esibite nelle principali gallerie di Londra, Stoccolma e Amsterdam. Il 27 October 1960 Daniel Spoerri scrive il Manifesto dei Nouveaux Realistes con Klein, Arman, Raysse, Tinguely, Hains, Villegle and Dufrene ed il critico Pierre Restenay. Il Manifesto e' firmato con il nome Spoerri-Feinstein per sottolineare le sue origini romene.Con i Nouveaux Realistes partecipa a numerose mostre europee. Nel 1961 scrive "Un anedottica topografia del caso", dove descrive tutti gli oggetti presenti su un tavolo, in modo da realizzare un tableaux - piege scritto; dal 1962 e' in contatto con Fluxus. Nel 1963 apre un ristorante nella Galleria J. di Parigi, dove critici d'arte servono menu francesi, svizzeri, ungheresi e di altre nazionalita'. Nel 1964 Spoerri e' a New York con Arman, Tinguely and Niki De Saint Phalle, dove realizza esposizioni con opere d'arte di cibo. Nel 1965, sempre a New York, organizza una lotteria d'arte nella metropolitana insiame ad Arman, Christo, Warhol, Lichtenstein ed altri artisti: tredici opere d'arte vengono messe in cento cassette di sicurezza di alcune stazioni della metropolitana.
Le chiavi di tali cassette vengono vendute per dieci dollari. Dall' Agosto 1966 Spoerri si trasferisce a Simi, un isoletta greca del Mare Egeo, dove vivra' per circa un anno, lavorando con materiali grezzi e naturali e scrivendo il libro di ricette Diario Gastronomico di una coppia su un'isola greca.
Nel Gennaio 1967 Daniel Spoerri arriva a Dusseldorf, dove apre dal giugno 1968 il Ristorante Spoerri. Nel 1970, a New York, ha l'idea della eat art, opere d'arte realizzate con materiali commestibili. Nel' Ottobre 1970, durante le celebraqzioni del decimo anniversario della formazione del gruppo Nouveaux realistes, realizza un Eat Art Dinner a Milano; opere di Klein, Arman, Cesar, ed altri, fatte con materiali commestibili, sono servite durante un banchetto. Il Ottobre 1970 opre a Dusseldorf la prima Eat Art Exhibition; Joseph Beuys contribuisce all'esposizione con venticinque lische di aringa.
Nel 1972si trasferisce nel sud della Francia, a Selle-sur-le-Biel, ed apre il suo primo atelier, il Moulin Bayard. Nel 1977 si trasferisce a Colonia dove insegnera' per sei anni all'Accademia di Belle Art aperta in quegli anni. I suoi seminari sono incentrati su tre temi: la Eat Art, il Museo Sentimentale e l'dea del labirinto. Durante questi anni organizza le cene per gli omonimi degli artisti famosi e le Isepulture dei tableaux-piege, durante i quali, dopo un banchetto di cento venti persone, la tavola viene sepolta in una fossa profonda due metri. Dal 1983 al 1989 porta avanti dei seminari all'Accademia di belle arti di Monaco, principalmente sulle installazioni, organizzando esposizioni e performances insieme ai suoi studenti. Nel1992 si stabilisce a Seggiano, in provincia di Grosseto, dove apre la sua fondazione: Il Giardino di Daniel Spoerri: Hic terminus hearet.
Il giardino ospita oggi piu' di cinquante sculture di numerosi artisti contemporanei.

bibliografia
fondazione
links